Heritage

La Sala Cinese

Atmosfere misteriose ed esotiche nella sala in stile Pompadour

Forme leggere, sinuose e aggraziate ricoprono le pareti della Sala Cinese: un labirinto di figure maestose, ispirate a un Oriente reale, ma al tempo stesso immaginato e immaginario, che si intreccia alle decorazioni in foglia d’oro, ai fregi e ai divanetti in velluto rosso.

Pitture e motivi ornamentali sono il capolavoro di Antonio Pascutti, artista al quale dobbiamo anche l’immagine del famoso cinese tanto cara al noto scrittore e poeta francese Henri De Régnier.

Adesso che si annuncia il crepuscolo l’ora del Cinese si avvicina. Eccoci infine ai suoi piedi. Sotto il suo sguardo canzonatorio, la conversazione abbandona il tono serio e riveste un tono più familiare. Si parla degli uni e degli altri e si rimpiangono gli assenti che non possono profittare del comodo sedile del Florian.

Come la Sala Orientale, la Sala Cinese non è un semplice spazio ben decorato dove gustare un caffè qualsiasi, ma un ambiente perfetto per vivere un’esperienza indimenticabile. Qui regna una speciale atmosfera: vi si respira un’aria diversa, forse perché le due Sale formano tra loro una sorta di spazio appartato; gli specchi, sistemati fin sulle pareti dei passaggi tra le Sale, contribuiscono a creare un effetto di labirinto, con la vostra immagine riflessa all’infinito mentre si passa dalla Cina all’Oriente.